Finalmente ci siamo. Questo fine settimana al Mottaccio del Balmone di Maggiora, ritorna dopo trent’anni la gara più attesa, entusiasmante e spettacolare dell’anno: il Motocross delle Nazioni. L’edizione del 1986 fu un evento che ancora oggi è nella mente degli appassionati di motocross. A vincere l’edizione di quell’anno furono i piloti del Dream Team USA David Bailey, Ricky Johnson, Johnny O’Mara, tre piloti che  hanno fatto la storia del motocross a “STELLE E STRISCE”. Sul podio, insieme alla squadra inglese, anche quella “AZZURRA” che conquistò la terza piazza con Massimo Contini, Corrado Maddii e Michele Rinaldi. Quella del 24 e 25 settembre sarà certamente un evento altamente spettacolare perché saranno diversi i TEAM in grado di lottare per la vittoria finale. La Francia, vincitrice delle ultime due edizioni, è la favorita numero uno insieme alla compagine americana. Non sono però da sottovalutare il Belgio (vincitrice dell’edizione 2013), la Gran Bretagna e la Svizzera che per la prima volta nella sua storia può presentare tre validi piloti: Arnaud Tonus – Valentin Guillod ed il vice Campione 2016 della MX2 Jeremy Seewer. Ovviamente, nel novero dei protagonisti, non possiamo escludere la SQUADRA AZZURRA che vedrà al via Antonio Cairoli nella MXGP – Michele Cervellin nella Open e Samuele Bernardini nella MX2. I tre ragazzi italiani avranno dalla loro parte tutto il tifo degli appassionati italiani ed anche il vantaggio di correre in casa, su un tracciato che conoscono bene. La macchina organizzativa è imponente. Saranno 1.000 le persone tra staff e management oltre alle Forze dell’Ordine, la Protezione Civile ed i Vigili del Fuoco. A questi bisogna aggiungere gli oltre 700 volontari dislocati in tutta l’Area di Maggiora per fornire aiuti e informazioni. Per accedere al Maggiora Park è stata migliorata la rete stradale mentre l’area dei parcheggi è di circa 200.000 metri quadri.

About The Author

Leave a Reply

Your email address will not be published.